Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni

Chiudi

16°MonFilmFest – Il Progetto « Immagina

16°MonFilmFest – Il Progetto

Che cos’è il MonFilmFest?

MON, mio, appartiene a chi lo ha creato, a chi lo realizza, a chi vi partecipa come attore e fruitore mai passivo del progetto;

MONdo/ MONferrato, Terra senza frontiere dove le culture si incontrano in una dinamica dialettica e non passiva; terra di storie e di bellezza da Riscoprire e/o Scoprire.

FILM, il cuore, ciò che si realizza, il nucleo comune dell’universo mondo CINEMA.

FEST, è in prima lettura FESTA, KERMESSE, GIOCO e anche FESTIVAL che dei primi ne è figlio

 

Al centro del progetto c’è IL RILANCIO del Monferrato terra di vino, cibo, cultura, storia, arte, architettura e possibile location inedita per il cinema oltre i cortometraggi e aperto al mondo cinema tutto.

 

La MISSIONE: L’avventura riparte ogni anno, i nostri autori e la nostra missione impossibile:

“Bisogna vedere e sentire quello a cui si pensa. 

Bisogna vederlo e afferrarlo. 

Bisogna fissarlo nella memoria e nei sensi. 

E bisogna farlo subito. 

Quando si è in uno stato d’animo adatto al lavoro,

 la fantasia, attivissima, formicola di immagini. 

Inseguirle e afferrarle 

è pressappoco come inseguire un branco di aringhe” 

(Sergei Eisenstein)

La ricerca di nuove storie e nuovi talenti del cinema, attraverso “un gioco” che definisce e determina “un modo di produrre”.

La CARATTERIZZAZIONE: il MonFilmFest ha mantenuto la sua radice “giochi di cinema senza frontiere”, ma ha sempre cercato “nuove caratterizzazioni”:

Casale Monferrato al centro di una grande regione di interesse naturalistico e culturale si apre all’Europa anche con progetti collaterali al MonFilmFest che mettano al centro i giovani. Fra questi Back to the future che porterà studenti Erasmus+ a Casale Monferrato a raccontare le realtà emergenti del territorio.

 

  1. I GIOCHI:

 

  • SETTE GIORNI PER UN FILM: È un gioco che mette alla prova la capacità di produrre un cortometraggio in video digitale in sette giorni progettando la storia, il piano di produzione, sino alla sua prima proiezione al pubblico. Può partecipare al concorso chiunque sia regista o autore e sottoponga per la visione alla direzione del festival un film che ritenga significativo della propria produzione. Per gli autori che hanno già partecipato al MonFilmFest nelle precedenti edizioni, sarà necessario presentare un film terminato dopo il 1° gennaio 2013. Se gli autori lo riterranno opportuno o la direzione del festival lo richiederà, sarà necessario fornire dei link dove vedere altri film del medesimo autore, oltre a quello scelto e che verrà spedito secondo le modalità specificate.

 

  • VETRINA DI UN FILM RITROVATO: presenterà un programma di film da proiettare nella settimana del festival e comporterà da parte dello staff del festival UNA RICERCA, UN RITROVAMENTO di film ignorati o dimenticati. Non cerchiamo INEDITI, prenderemo in considerazione film prodotti dopo il 1 gennaio 2015

 

  • IL CHIOSCO: vero luogo iconico in tutto il mondo, è un centro in cui ci si incontra, nel nostro specifico ci si incontrerà, per portare un proprio contributo filmico di durata non superiore ai 180” che racconterà un momento della giornata a Casale Monferrato durante il MFF.  IL CHIOSCO sarà sede di un laboratorio di postproduzione mobile che provvederà al montaggio in tempo reale. Ogni giorno verrà prodotto un film realizzato da comuni cittadini, , giovani principianti, turisti e perché no autori,  per essere proiettato alla sera e che racconterà la giornata trascorsa. Ciascun singolo contributo filmico concorrerà per un premio finale.

 

  • ATTI RITRATTI: si tratta di realizzare delle sequenze filmate da 1” a 30” massimo che descrivano il popolo del festival, ma anche il popolo delle terre del Monferrato o dei viaggiatori che per ventura si trovino nel periodo del festival a Casale Monferrato o nel territorio Monferrino. Ciascun singolo contributo filmico concorrerà per un premio finale che consisterà in un prodotto alimentare delle eccellenze artigiane del territorio
  • VIDEOBOX: è il luogo dove sarà possibile raccontare qualunque storia con una ripresa video della durata massima di 180”. Sarà allestita una cabina con un operatore che seguirà tutta la ripresa. L’osservazione fulminea, il pensiero o il racconto che sarà giudicato interessato concorrerà per un premio finale che consisterà in un prodotto alimentare delle eccellenze artigiane del territorio.

 

  1. La caratteristica, e la caratterizzazione fortemente voluta, hanno determinato gli attori del progetto che sono:
  • lo STAFF del MFF, gli AUTORI INVITATI, sottolineiamo quest’aspetto, al MFF nessuno SELEZIONA, ma gli autori vengono invitati in base a delle caratteristiche che sono l’anima del MFF;
  • il territorio e la sua popolazione che partecipano attivamente come location manager, assistenti, comparse, attori. CASALE MONFERRATO, presentando ogni ordine di scuola, permette al MFF di relazionarsi con gli STUDENTI, che saranno il vero volano di comunicazione fra il festival e la città.
  1. fruitori del progetto: il termine SPETTATORI contiene chi aspetta di agire/vedere. Il MFF vuole degli SPETT/ATTORI e li chiama all’OSSERVAZIONE CRITICA (il premio del pubblico) e all’AZIONE (la possibilità di RACCONTARE il proprio essere al MFF attraverso i più disparati strumenti tecnologici che ci permettono di ritrarre/ritrarci nella giornata e consegnarli nel luogo che raccoglie il racconto: IL CHIOSCO
  2. sede: da settembre a luglio CASA IMMAGINA, sede di IMMAGINA che è l’associazione che organizza il MONFILMFEST, strada Berteu 5, Casalborgone.

 

Durante il festival (dal 13 al 21 luglio) la sede sarà IL TARTARA (ex mercato Pavia) dove installeremo la segreteria, le sette postazioni di postproduzione, una sala proiezioni, un luogo ritrovo, che sarà anche la sede delle cene.

  1. partecipazione delle aziende artigiane del territorio, con una grada attenzione ad accompagnare il cibo buono alla convivialità della cena. L’ospitalità si baserà da un lato per ciò che riguarda l’aspetto “CUCINA” dalla partecipazione come sponsor delle eccellenze artigiane, con una Coordinatrice del nostro STAFF e la gestione generale affidata a “il Mongetto”, da sempre sponsor del MFF. Dall’altro lato vi sarà “la volontà” dei cittadini di aprire le proprie case e offrire dei posti letto, che è anche” volontà” di incontrare le troupe, altro nodo caratterizzante il MONFILMFEST.

Sostieni il Monfilmfest!

Twitter

lingua

FESTIVAL PARTNER

Le ultime notizie

Newsletter

Dicono di noi

  • ~ Marta Zen, performer e regista

    "Caro Beppe, volevo ringraziarti del clima che si respirava quest’anno e che sicuramente ha aiutato la nostra troupe a lavorare bene e in accordo. Elena è stata ospite generosissima e cara, Franco disponibilissimo, il cibo vegetariano ottimo!"

  • Leggi altre testimonianze »